Ordinanza 62/2018. Chiarimenti e tanta voglia di semplificazione.

Il Commissario Straordinario per la ricostruzione in data 10 agosto 2018 ha pubblicato sul proprio sito l’Ordinanza n. 62 che delinea misure che tendono alla semplificazione della stesura delle pratiche di ricostruzione privata e relativa velocizzazione di approvazione.

In un precedente articolo ce l’eravamo presa un po’ con gli USR che in tanti casi si accanivano con troppo zelo nel ricontrollo delle pratiche presentate dai professionisti tecnici della ricostruzione: manco fossero novellini alle prime armi.

Tra le maggiori criticità riscontrate c’era la verifica, da parte dei tecnici dell’USR, della congruenza della contabilità presentata per la pratica di ricostruzione rispetto alla finalità della norma.

Sovente accadeva che l’USR contestasse questa o quella lavorazione producendo ritardi immani e magari solo per minime lavorazioni ininfluenti nella bontà dell’intervento globale.

Questo era l’articolo:

il silenzio assenso per la ricostruzione, chi l’ha visto?

La semplificazione del controllo sulla contabilità 

Sembra che anche questa volta qualcuno a palazzo ci abbia ascoltato e nell’Ordinanza n. 62 all’art. 4 comma 2, tra le varie mansioni di controllo attribuite agli USR vengono imposte le seguenti attività:

c) procedono al controllo di almeno un campione delle voci dell’elenco prezzi unitario corrispondenti ad un minimo del 10% delle lavorazioni contenute nel computo metrico;

e) verificano il costo ammissibile a contributo quale minor somma tra il costo dell’intervento e il costo convenzionale riscontrando la corrispondenza, per almeno il 30% delle superfici utilizzate e per almeno un terzo delle unità immobiliari interessate;

Inoltre al comma 3.

Ai fini della lettera c) del precedente comma 2, il controllo è riferito alle voci più significative in termini di valore economico e/o a quelle più significative per la rilevanza tecnica/tecnologica della lavorazione con priorità per i nuovi prezzi, verificando la congruenza delle computazioni con le lavorazioni previste in progetto, nonché la loro corretta attribuzione nelle macro voci previste dalla normativa. La predetta verifica deve comunque riguardare almeno una voce per ognuna delle seguenti macrocategorie, comunque fino alla concorrenza della percentuale di cui alla lettera c) del comma 2: indagini e prove, opere sulle strutture, finiture parti comuni e finiture interne. 4

Viene così alleggerito il carico di controllo dell’USR verso la contabilità presentata e allo stesso modo viene evitato il possibile conflitto tra le parti circa la verifica di congruenza o meno di piccole lavorazioni ininfluenti dal punto di vista finanziario.

E’ ovvio e scontato, ma ci teniamo a ribadirlo, che gli USR potranno controllare in corso di esecuzione e a fine lavori ogni eventuale situazione equivoca, pertanto possiamo dire che il Commissario con questa ordinanza prende tre piccioni con una fava.

Ottimo così per questa volta.

semplificazione.jpg

I contenuti fissi del contratto d’appalto dell’impresa

Altri aspetti interessanti che non riguardano la semplificazione, sono contenuti nell’ALLEGATO 1 – SEMPLIFICAZIONE ATTIVITÀ ISTRUTTORIA RELATIVA AGLI INTERVENTI DI RIPRISTINO E RICOSTRUZIONE DI CUI ALL’ARTICOLO 6 DEL DECRETO LEGGE 189/2016 dove vengono chiariti i contenuti minimi del contratto d’appalto dell’impresa esecutrice dei lavori e del relativo confronto concorrenziale:

2. documentazione relativa alla procedura selettiva seguita per l’individuazione dell’impresa esecutrice, ivi compreso apposito verbale dal quale risultino i criteri adottati e le modalità seguite per la scelta (Computo metrico estimativo a base di gara, inviti, offerte ecc.);

3. contratto d’appalto tra il committente e l’impresa esecutrice dei lavori dal quale risulti:

– qualora ricorra il caso, la volontà espressa da parte dell’impresa affidataria di subappaltare alcune lavorazioni speciali nel limite del 30% del costo ammissibile a contributo, previa autorizzazione del committente da rendersi per iscritto nel contratto;

indicazione delle imprese subappaltatrici regolarmente iscritte all’anagrafe antimafia, l’importo dei lavori in subappalto.

Prestare attenzione a definire le imprese subappaltatrici, con questa precisazione possiamo affermare che l’indicazione è contenuto minimo inderogabile.

Ricordiamo agli amici tecnici che definire ad avvio lavori la squadra giusta da mettere in campo, compreso le imprese subappaltatrici, evita di dover sospendere i lavori poi nella ricerca dell’impresa specializzata mancante.

Alle imprese, in fine, evidenziamo che ricorrere a soluzioni alternative al subappalto, non genuine e/o illegittime, porta a condanne penali, risoluzioni contrattuali e cancellazione dall’anagrafe.

TERMINI CERTI CONCLUSIONE PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

Visti i grandi passi avanti fatti ci auguriamo che il Commissario, con coraggio definisca uno scadenziario certo per l’espletamento delle mansioni descritte nell’ordinanza 62 .

Perché ora che è tutto ben delineato resterebbe solo da assegnare dei tempi precisi che diano certezza di conclusione del procedimento amministrativo di approvazione e concessione del contributo di ricostruzione.

Abbiamo parlato di coraggio perché in qualche modo, determinando dei tempi perentori di conclusione dei subprocedimenti a Comuni e USR, si andrebbe a costituire uno scomodo autovincolo delle istituzioni che tutti gli addetti ai lavori si aspettano, così da poter dare definitivamente una svolta alla cantierizzazione degli interventi.

A presto.

17/08/2018

Arch. Paolo Capriotti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: