Il confronto concorrenziale per la scelta dell’impresa non avviene più sulla base prezzo.

In origine l’Ord. n. 19 Ricostruzione Pesante all’Articolo 9, comma 3 lett. b) imponeva che al momento della presentazione della pratica di contributo si dovesse “indicare l’impresa incaricata di eseguire i lavori, scelta tenendo conto in misura significativa del ribasso sui prezzi di elenco tra almeno tre ditte mediante procedura concorrenziale intesa all’affidamento dei lavori alla migliore offerta, alla quale possono partecipare solo le imprese che risultino…”

Noi avevamo tentato di capire cosa si volesse intendere e che tipologia di procedura di selezione si dovesse organizzare per rispettare la norma.

Queste erano le nostre personali riflessioni:

https://renovoretecostruttori.com/2017/10/20/primo-articolo-del-blog/

Ma a Gennaio, qualche mese fa, con successiva Ordinanza n.46 del 10 gennaio 2018 cambiano totalmente le cose e la situazione diventa questa, con innesto all’art. 12 della stessa ordinanza 19:

a) l’indicazione dell’impresa incaricata di eseguire i lavori, scelta tra almeno tre ditte mediante procedura concorrenziale intesa all’affidamento dei lavori alla migliore offerta, alla quale possono partecipare solo le imprese …”

Quindi, in pratica, viene eliminato il riferimento alla misura significativa del ribasso sui prezzi, in questo modo riteniamo che le selezione di oggi possano essere effettuate disinteressandosi totalmente del prezzo.

presamisure-300x182

A quanto pare potremmo organizzare un confronto concorrenziale imponendo il prezzo fisso economico e optando per tutti quegli aspetti qualitativi/quantitativi diversi di cui avevamo discusso nel precedente articolo.

La modifica semplifica ancor di più la situazione rimettendo in qualche modo il tutto all’occhio attento di chi seleziona.

Ci fa piacere questa modifica perché con la vecchia impostazione c’era il concreto pericolo che si andasse ai massimi ribassi che quotidianamente danneggiano il parallelo mercato degli appalti pubblici.

Meglio così possiamo dire per una volta.

13/05/2018

Arch. Paolo Capriotti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...